Primo tempo: Gubbio-Fano 0-0. I rossoblù giocano bene e sfiorano più volte il gol. Traversa di Lo Porto

Al momento dell’ingresso in campo delle squadre splendida coreografia della curva eugubina, con tante bandiere rossoblù al vento e cori. Per il Gubbio azioni pericolose di Plescia al 4′ e Marchi all’8′, per gli ospiti Ferrante al 14′.
Al 29′ il Gubbio colpisce la traversa con Lo Porto. Al 33′ colpo di testa di Casoli di un soffio a lato. 

GUBBIO – E’ un derby sentitissimo quello tra Gubbio e Fano, che richiama sempre un buon numero di spettatori sugli spalti del “Pietro Barbetti“. E’ anche una partita importante per entrambe le squadre, che lottano per la salvezza e sono alla ricerca di una vittoria che le rilanci in classifica.

Mister Sandreani modifica l’undici titolare rispetto alla partita di Teramo, e schiera in campo Benedetti in sostituzione di Luca Ricci, e il giovane Vincenzo Plescia per Campagnacci. Mentre mister Epifani schiera in attacco Fioretti e Ferrante, con il talentuoso Acquadro a fare da trequartista.

Nonostante la pioggia insistente degli ultimi giorni, il terreno di gioco del “Pietro Barbetti” appare in ottime condizioni. Sono presenti tifosi fanesi in curva ospiti. Al momento dell’ingresso in campo delle squadre splendida coreografia della curva eugubina, con tante bandiere rossoblù al vento e cori. Grande tifo.

Le formazioni di Gubbio-Fano

GUBBIO (4-3-1-2): Marchegiani, Lo Porto, Espeche, Piccinni, Schairoli; Malacacri, Benedetti, Casoli; Casiraghi; Marchi (capitano), Plescia.

A disposizione: Battaiola, Paolelli, Nuti, De Silvestro, Conti M., Tavernelli, Ricci, Tofanari, Battista, Pedrelli, Campagnacci. Allenatore: Alessandro Sandreani. 

FANO (4-3-1-2): Sarr; Vitturini, Sosa, Konate, Setola; Selasi, Lazzari (capitano), Lulli; Acquadro; Ferrante, Fioretti. 

A disposizione: Voltolini, Diallo, Maloku, Magli, Filippini, Mancini, Celli, Ndiaye, Scimia, Cernaz, Morselli. Allenatore: Massimo Epifani

Primo tempo

Il Fano inizia la partita in attacco, con buona personalità. Gubbio in campo in maglia classica rossoblù, ospiti in maglia bianca da trasferta. Ma è il Gubbio al 4′ a sfiorare il gol con una combinazione tra Plescia e Marchi, il suggerimento del n.24 eugubino per il capitano viene girato da Marchi appena sopra la traversa.

All’8′ è Marchi a restituire da destra l’assist a Plescia, che difende la palla e calcia in rete, Sarr devia in angolo. Dal corner la palla è sulla testa di Schiaroli che colpisce al volo ma spedisce a lato.  Al 10′ il colpo di testa di Konate su calcio di punizione di Acquadro termina di poco a lato.

Al 14′ Casoli perde palla a centrocampo, scatta il contropiede di Ferrante, gran tiro di sinistro a incrociare e grande risposta di Marchegiani che para con la mano di richiamo, poi l’azione sfuma. La partita è ben giocata da parte delle due squadre nonostante le reti inviolate, con il Gubbio che gioca bene soprattutto a centrocampo.

Al 26′ penetrazione di Vitturini sulla destra, saltato Lo Porto, palla al centro dell’area di rigore ma Ferrante è in ritardo e l’azione sfuma. Per il Fano esce Lulli infortunato, entra Ndiaye. Al 29′ sugli sviluppi di una rimessa laterale, il tiro al volo di sinistro di Lo Porto dal limite dell’area di rigore si stampa sulla traversa a Sarr battuto.

Al 33′ colpo di testa di Casoli di poco a lato dei pali della porta difesa da Sarr. Il Gubbio termina il primo tempo in attacco, sono segnalati 2 minuti di recupero. Appena il tempo di vedere una punizione di Casiraghi dalla distanza di poco alta sopra la traversa.

Di Francesco CaparrucciFotografie Simone Grilli

domenica 7 ottobre 2018 - 17:17|Articoli, Sport|