I rossoblu sono ora 6° in classifica dietro a Modena, Reggiana, Cesena, Virtus Entella e Pescara, vale a dire le squadre più forti del Campionato. Prossimo impegno sabato 9 aprile, ore 17:30 al “Pietro Barbetti”, contro la Pistoiese che lotta per non retrocedere. 

Ancona-Gubbio, squadre al centro del campo

Il primo gol di Bulevardi grazie ad una combinazione in velocità con Mangni e Arena. Il raddoppio di Arena all’inizio della ripresa, è frutto di una giocata di classe del fantasista rossoblu. 

GUBBIO – La coda dell’inverno, con una giornata fredda e ventosa, spinge i rossoblu di Torrente a una grande impresa al “Conero” contro una diretta concorrente per i playoff: l’AnconaMatelica fino a questo momento vera rivelazione del Campionato di serie C girone B con i suoi 50 punti in classifica.

Eppure per il Gubbio non era una partita semplice, date le squalifiche di Bonini Di Noia e Sarao, e l’indisponibilità di Francofonte e Tazzer. Entrambe le squadre venivano poi da due sconfitte, i rossoblu da quella interna contro la Viterbese, i padroni di casa da quella esterna a Modena. Ha vinto il Gubbio di Torrente meritatamente.

La partita inizia subito con i rossoblu pericolosi con Mangni che, da buona posizione, colpisce l’esterno della rete. Passano pochi minuti e il Gubbio va in vantaggio grazie ad una combinazione tra Mangni Arena e Bulevardi che, ottimamente servito dal fantasista eugubino, con un preciso tiro a giro sull’angolino alto porta in vantaggio il Gubbio (0-1).

Ancona-Gubbio, una fase di gioco

I ragazzi di Torrente sono tanto concreti, quanto erano stati “sciuponi” la scorsa settimana contro la Viterbese. I padroni di casa si fanno vedere all’11′ con il tiro di Del Sole alto sopra la traversa. Ancora Del Sole con un tiro potente, costringe Ghidotti alla parata in tuffo.

L’Ancona Matelica spinge in attacco alla ricerca del pareggio, e al 21′ è Delcarro che calcia in porta ma un difensore rossoblu riesce a deviare con il corpo e sfuma la minaccia. C’è ancora il tempo per una punizione di Iotti calciata appena sopra la traversa.

Nella ripresa il Gubbio, con grande cinismo, mette il risultato in cassaforte con la rete al 4′ di Arena, che calcia di precisione rasoterra e batte imparabilmente Avella (0-2). L’azione era stata costruita grazie agli assist di Formiconi, Bulevardi e Mangni, quest’ultimo con un tocco forse involontario del corpo.

Il terzo gol potrebbe arrivare al 21′ dai piedi di Cittadino, tutto solo di fronte ad Avella, ma il centrocampista eugubino non riesce a concludere in rete. Pochi minuti prima del fischio finale, Malaccari in contropiede serve Fantacci che conclude di poco a lato.

Finisce con la “classica volata” dei giocatori rossoblu sotto la curva eugubina, e con il sesto posto in classifica alle spalle delle formazioni più forti del Girone B di serie C.

  ——————————————————

AnconaMatelica-Gubbio 0-2 

Giocatori rossoblu sotto la curva eugubina

ANCONA (4-3-3): Avella; Noce, Masetti, Iotti, Di Renzo; Iannoni, Papa (27′ st Gasperi), Delcarro (27′ st D’Eramo); Del Sole (9′ st Faggioli), Rolfini, Sereni (41′ st Vrioni). A disposizione: Vitali, Bianconi, Maurizii, Tofanari, Pecci, Ruani, Sabattini. Allenatore: Colavitto.

GUBBIO (4-3-3): Ghidotti; Formiconi, Signorini, Redolfi, Righetti; Sainz Maza, Malaccari, Bulevardi (13′ st Cittadino); Mangni (21′ st D’Amico), Spalluto, Arena (32′ st Fantacci). A disposizione: Meneghetti, Migliorini, Lamanna, D’Angelo. Allenatore: Torrente.

Reti: Danilo Bulevardi al 7′ pt., Alessandro Arena al 4′ del st.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina