L’uomo stava camminando lungo via Baldassini alle ore 18 circa di domenica pomeriggio, quando si è accorto del fumo che usciva dai bagni pubblici che si trovano tra via Baldassini e via Gattapone. E’ entrato senza timore, ha preso un secchio dell’acqua che ha trovato lì accanto, e l’ha versato sul recipiente di plastica che stava andando a fuoco, spegnendo il principio d’incendio.

I bagni pubblici invasi dal fumo

Al nostro giornale spiega: “Non cerco pubblicità o gloria personali, altri hanno avvertito per me le Forze dell’Ordine. Ho semplicemente fatto quello che chiunque altro avrebbe fatto al mio posto, trovandosi di fronte un potenziale principio d’incendio. Ho fatto il mio dovere di cittadino”. 

GUBBIO – Un cittadino eugubino di 49 anni è intervenuto e ha spento un principio d’incendio all’interno dei bagni pubblici in via Baldassini di fronte la Casa di Sant’Ubaldo.

I fatti risalgono al tardo pomeriggio di domenica 16 gennaio, alle ore 18. Questo è quanto è accaduto: un cittadino eugubino di 49 anni stava camminando in centro lungo via Baldassini, quando si è accorto che dai bagni pubblici situati al principio della salita di via Gattapone, stava uscendo del fumo.

L’uomo non ha perso tempo, è entrato all’interno dei bagni senza timore, e ha visto nel contenitore della spazzatura le prime fiamme di un principio d’incendio. Si è guardato intorno, ha notato un secchio dell’acqua con uno straccio, ha tolto lo straccio, e ha versato l’acqua per intero all’interno del bidone di plastica della spazzatura.

Al nostro giornale, il 49enne eugubino racconta: “C’era già un gran fumo all’interno dei bagni e ho deciso di intervenire subito perché occorreva fare presto. Credo si sia trattato o di un gesto intenzionale, cioè doloso, o di una sbadataggine di qualcuno che ha gettato un mozzicone di sigaretta all’interno del contenitore.

Questo non spetta a me dirlo, ma a chi si occuperà eventualmente di quanto accaduto. Io sono semplicemente intervenuto come avrebbe fatto, ne sono convinto, qualsiasi altra persona che al mio posto si fosse trovata a transitare in quel momento lungo via Baldassini“.

I resti del principio d’incendio

Ci siamo recati sul posto, subito dopo aver ricevuto la segnalazione e il racconto del 49enne eugubino, che ci ha accompagnati e ci ha mostrato come è intervenuto e cosa ha fatto per spegnere il principio d’incendio. Sul posto è giunta per un sopralluogo anche la pattuglia della Polizia Locale di Gubbio.

All’interno, la porta di uno dei due bagni era aperta, sul pavimento abbiamo notato della cenere e mozziconi di sigarette, con il pavimento cosparso dell’acqua con la quale il nostro concittadino ha spento il principio d’incendio.

In conclusione, riassumiamo così il pensiero del 49enne eugubino: “Non cerco pubblicità o gloria personali, altri hanno avvertito per me le Forze dell’Ordine. Ho semplicemente fatto quello che chiunque altro avrebbe fatto al mio posto, trovandosi di fronte un potenziale principio d’incendio. Ho fatto il mio dovere di cittadino. 

Ho visto le fiamme nel contenitore e ci ho versato sopra il secchio dell’acqua, questo è quanto è successo. Una cosa semplicissima e d’istinto. Certo, l’accaduto non mi lascia indifferente.

Comunque, l’importante, è che è andato tutto bene, all’interno dei bagni pubblici non c’era nessuno, e nessuno si è fatto male o ha respirato il fumo del contenitore della spazzatura in plastica che si è liquefatto“.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina