Domenica le due gare dalle 9 e dalle 11 in live streaming e diretta su ACI Sport TV. Sin dalle ricognizioni il 56° Trofeo Luigi Fagioli promette spettacolo. Tra Faggioli e Merli solo 28 centesimi dopo le ricognizioni, diversi pronti a contendersi il podio, con Cubeda più attaccato ai primi, poi Lombardi e Fazzino. Gianni Urbani in evidenza tra i piloti di casa, migliore di gruppo CN

GUBBIO – Non si smentisce la rodata macchina organizzativa del Comitato Eugubino Corse automobilistiche e già dalle ricognizioni il 56° Trofeo Luigi Fagioli ha saputo regalare emozioni con cadenza regolare e fluida.

A parte il caldo estivo l’atmosfera è sempre più frizzante in vista delle due salite di gara che scatteranno domani, domenica 1 agosto a partire dalle ore 9 e dalle 11 la gara umbra sarà visibile in live streaming e in diretta su ACI Sport TV (228 Sky).

Ha debuttato su un tracciato italiano la Norma M20 FC in versione 4×4 ed il francese Sèbastien Petit, autore del 7° crono di giornata, ne ha apprezzato l’alto potenziale e la motricità, consapevole del lavoro di sviluppo ancora necessario e alle prese con un set up da ottimizzare sul fondo impegnativo perché a volte scivoloso.

Non si è fatta attendere l’anteprima del duello che tutti attendono tra Simone Faggioli su Norma M20 FC Zytek e Christian Merli su Osella FA 30 Zytek. Il fiorentino ed il trentino che hanno usato da veri esperti i dati in loro possesso per regolare il set up delle rispettive biposto ufficiali. Per la gara saranno determinanti le scelte di mescola di pneumatici, resa ancora più difficile dalle alte temperature esterne.

Dopo una prima salita dove il vincitore e recordman delle ultime due edizioni della gara ha ottenuto il miglior riscontro, nella seconda è arrivata puntuale la risposta del leader tricolore, ma la differenza sull’interpretazione dei 4,150 km, si è fermata a 28 centesimi di secondo.

Anche il catanese Domenico Cubeda ha usato i riferimenti già in su possesso per regolare l’Osella FA 30 Zytek, con cui ha ottenuto il terzo riscontro di giornata e si è maggiormente avvicinato ai due driver ufficiali, contendenti del tricolore e dell’europeo.

Hanno mostrato di potersi giocare il podio della gara anche l’esperto Achille Lombardi, il potentino che ha ritrovato appieno l’Osella PA 2000 Honda, poi il giovane siciliano Luigi Fazzino che ha trovato un ottimo tracciato per le sue doti di guida ma soprattutto per il potenziale del motore turbo dell’Osella PA 2000.

Prove dai riscontri positivi anche per il salernitano Angelo Marino che riesce a trarre sempre più dall’Osella PA 30 Zytek. Ha ottenuto il miglior riscontro in gruppo CN ed è stato il miglior pilota locale in prova Gianni Urbani, che ora è pronto all’assalto della categoria al volante dell’Osella PA 21S.

Tra i primi 10 riscontri delle ricognizioni l’altro siciliano, l’esperto Franco Caruso sempre concentrato in prova al volante della Nova Proto NP01-2 Zytek, poi i protagonisti ancora una volta annunciati della sfida per le sportscar con motorizzazione motociclistica, ossia il giovane lombardo Gian Carlo Maroni jr con la versione da 16.6 dell’Osella Suzuki e il siciliano Samuele Cassibba sulla Jrb Suzuki da 1000 cc.

Per gli altri gruppi il calabrese Rosario Iaquinta su Lamborghini Huracan si è portato in evidenza tra le super car del gruppo Gt, ma Luca Gaetani ha preparato la contro mossa sulla Ferrari 488. Per le Shilhouette E2SH Alessandro Gabrielli ha per ora preceduto in prova Marco Gramenzi, per l’anteprima del duello tra Alfa 4C. Carmine Tancredi ha immediatamente confermato le scelte di set uo per la Ford Escort Cosworth con cui ha prenotato il ruolo di protagonista.

Rudi Bicciato, su Mitsubishi Lancer ha rallentato nella seconda salita dopo aver incontrato un concorrente uscito di strada, ma l’altoatesino ha ugualmente prenotato il gruppo A alle prese con la riparazione della Mitsubishi.

Si è sentito già in prova il rientro in gruppo N del valtiberino Lorenzo Mercati che ha testato con successo il pieno ripristino della Mitsubishi Lancer, anche se la leader Gabriella Pedroni ha opportunamente affilato le armi sulla sua Lancer.

Racing Start Plus Cup Andrea Palazzo ha ottenuto il miglior riscontro di giornata sulla Peugeot 308, come  in Racing Start Plus ha fatto il giovane altoatesino figlio d’arte Lukas Bicciato, sempre più convincente al volante della Renault Clio.

Per la racing Start Antoni Scappa ha l’en plein nel mirino suo e della Peugeot 308, ma in evidenza anche il giovane eugubino figlio d’arte Alex Picchi, che tornato dopo l’esordio di iniziato stagione a Sarnano, sulla MINI, punta in alto per la gara.

Ufficio Stampa