Contattato telefonicamente perché fuori Gubbio per motivi di lavoro, il Primo Capitano Eric Nicchi a Cronaca Eugubina ha detto: “Gli eugubini vogliono onorare Sant’Ubaldo il 15 e 16 Maggio come da tradizione. La Festa dei Ceri è in onore di Sant’Ubaldo. In questo momento è molto importante dare l’esempio ai giovani

Eric Nicchi alza il Pennone in via Saffi nel 2020

GUBBIO – Chi lo conosce bene, sa che è un uomo deciso e di poche parole. Grande amante della Festa dei Ceri, un uomo che vive l’investitura a Capitano con grande senso di responsabilità nei confronti dei ceraioli e della città di Gubbio.

Stiamo parlando di Eric Nicchi, santubaldaro verace (ha alzato il Cero Piccolo nel 1979), Primo Capitano in attesa che la Festa torni a compiersi il 15 Maggio, come da tradizione, e in queste settimane impegnato anche lui a confrontarsi sul tema della possibile data dell’11 settembre, in occasione della Traslazione del corpo di Sant’Ubaldo dalla Cattedrale al monte Ingino.

La sua posizione sull’argomento è nota e definita da tempo: “La Festa dei Ceri è il 15 Maggio perché in onore di sant’Ubaldo. Non ci sono altre date possibili“. La pensa così anche il Secondo Capitano, Paolo Procacci “Baracca”, che condivide con Eric una posizione che “non è mediabile“.

A Cronaca Eugubina, il Primo Capitano Eric Nicchi, in pochissime parole ha riassunto così il suo pensiero: “Gli eugubini vogliono la Festa dei Ceri il 15 Maggio. Vogliono onorare Sant’Ubaldo il 15 e 16 Maggio come da tradizione. La Festa dei Ceri è in onore di Sant’Ubaldo. In questo momento è molto importante dare l’esempio ai giovani“.

Francesco CaparrucciFoto di copertina Lucio Grassini