Andrea Bettelli: “Mi auguro un futuro di vittorie con tutti i protagonisti di questo momento. compreso Stefano Giammarioli. Con i due anni di contratto a Torrente, è stato fatto un capolavoro, e mancherebbe soltanto Giammarioli per ricostruire qualcosa di veramente importante in ambito calcistico

GUBBIO – Nelle ultime settimane, con i risultati importanti ottenuti dalla squadra rossoblu, l’ultimo dei quali è stato la storica vittoria nel derby contro il Perugia, è tornato un grande entusiasmo nella tifoseria eugubina e in città più in generale, tante persone e tanti tifosi che si erano allontanati, sono tornati a vivere il Gubbio come “ai tempi d’oro degli anni ’80 e della serie B“.

E’ di questo parere un grande tifoso rossoblu, Andrea Bettelli, titolare dell’Autolavaggio San Marco, un’attività che è stata fatta rifiorire dopo anni di chiusura, e alla quale Andrea Giacomo e Luca dedicano tutta la loro giornata lavorativa.

La cosa fantasticaspiega Andreaè che si sta ricreando un grande entusiasmo attorno al Gubbio e alla squadra. In città si è tornati a parlare del Gubbio. C’è attesa per la partita della domenica, e questo non avveniva più da alcuni anni“.

Qual è stata, a tuo avviso, la chiave di volta del Campionato rossoblu? 

Mister Vincenzo Torrente ha fatto un grandissimo lavoro, bravissimo è stato anche il preparatore atletico Romano Mengoni, due grandi professionisti insieme a Michele Barilari. In questo momento della stagione e fino a maggio, le squadre di Mengoni corrono il doppio degli avversari, merito della preparazione estiva e del richiamo invernale. 

E’ già successo a Bari e a Perugia, oltre che con il Gubbio in occasione dei due campionati vinti dieci anni fa. Il fattore atletico fu decisivo e potrebbe esserlo di nuovo anche da qui alla fine del Campionato“.

La storica vittoria contro il Perugia ha dato ancora più entusiasmo. Qual è il tuo commento alla partita? 

Il Gubbio ha iniziato la stagione con una rosa risicata, mentre oggi Mister Torrente ha 22 giocatori a disposizione e può vincere le partite anche con le sostituzioni. E’ stato così contro il Perugia: la mossa di mettere in campo Hamlili e Munoz ha spiazzato il Perugia, i rossoblu si sono disposti a specchio e hanno iniziato a giocare palla nella metà campo ospite pressando i biancorossi, e hanno vinto la partita”.

A Salò contro la Feralpi sarà di nuovo una partita durissima. Tu come la vedi?

Si deciderà se il Gubbio è pronto per il salto di qualità oppure no. Sarà fondamentale tenere alta la tensione. Io credo che a questo punto l’obiettivo sono i play off, la salvezza con una partita in meno è raggiunta. Il Gubbio ha una Società solidissima, mentre altre concorrenti per i play off potrebbero subire penalizzazioni in classifica. 

Però, dopo la vittoria contro il Perugia, attenzione ai cali di tensione. Saranno importantissime le motivazioni. Con Megelaitis a centrocampo, abbiamo ritrovato un nuovo Boisfer, e ne risente positivamente anche Malaccari che sta disputando una stagione eccezionale“.

Qual è il futuro del Gubbio secondo te? 

Mi auguro che sia un futuro di vittorie con tutti i protagonisti di questo momento. compreso Stefano Giammarioli. Che i dissensi possano essere superati e che il Gubbio possa tornare in vetta. Con i due anni di contratto a Torrente, è stato fatto un capolavoro, e mancherebbe soltanto Giammarioli per ricostruire qualcosa di veramente importante in ambito calcistico“.

I rossoblu di Mister Torrente scendono in campo oggi pomeriggio (domenica 21 marzo), alle ore 15 al “Lina Turina” di Salò, dove negli ultimi anni sono state sempre partite emozionanti.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina