Nel tardo pomeriggio di venerdì 5 marzo, la pattuglia è intervenuta al Parco del Teatro Romano dove alcuni cittadini avevano segnalato presunti assembramenti. Nel corso degli accertamenti, senza esito, la Polizia Locale ha provveduto a identificare una persona di nazionalità italiana in stato di ubriachezza all’interno del Parco. Nella serata di giovedì 4 marzo era stato sanzionato in Piazza Oderisi un 24enne eugubino per la violazione delle norme anti contagio

GUBBIO – Sono proseguiti anche nella giornata di venerdì 5 marzo i servizi di controllo anti Coronavirus della Polizia Locale di Gubbio nel capoluogo e nelle frazioni del territorio comunale, con 2 pattuglie e 4 agenti.

I controlli hanno riguardato sia le attività, che i pubblici esercizi per la verifica del rispetto delle norme di legge attualmente in vigore per contrastare l’epidemia da Covid-19. Gli agenti non hanno riscontrato situazioni di criticità, quindi non sono state emesse sanzioni amministrative.

Nel corso del tardo pomeriggio, attorno alle ore 19, sono giunte al Comando di Gubbio segnalazioni di cittadini per presunti assembramenti al Parco del Teatro Romano. La pattuglia che è intervenuta sul posto non ha rilevato situazioni di violazione delle leggi anti contagio, ma ha provveduto a identificare una persona di nazionalità italiana in quel momento in stato di ubriachezza all’interno del Parco.

Sempre nella serata di venerdì 5 marzo, la Regione Umbria è stata confermata zona arancione, con la Presidente Tesei che ha emanato una nuova Ordinanza, con i seguenti punti qualificanti:

1Coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del mattino.

2 Vietata l’apertura dalle ore 14 del sabato e nella giornata di domenica di tutti gli esercizi commerciali di vicinato, medie e grandi strutture di vendita al dettaglio ad esclusione delle farmacie, para farmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, edicole, librerie, tabacchi, lavanderie e tintorie.

3Divieto di consumazione di bevande alcoliche all’aperto nei luoghi pubblici ed aperti al pubblico, per l’intera giornata.

Divieto di assembramento nei luoghi pubblici ed aperti al pubblico nonché in prossimità di pubblici esercizi, esercizi commerciali ed artigianali durante il consumo di alimenti e bevande.

Divieto di distribuzione di alimenti e bevande, mediante sistemi automatici (distributori automatici), che affacciano nelle pubbliche vie dalle ore 18,00 alle ore 05.00 del giorno successivo.

– Divieto di svolgimento delle attività sportive e ludiche di gruppo, nei parchi ed aree verdi, nonché́ il divieto di utilizzo delle aree gioco dei medesimi.

Infine, nella giornata di giovedì 4 marzo, la Polizia Locale di Gubbio aveva sanzionato in Piazza Oderisi un 24enne eugubino perché stava consumando un caffè su suolo pubblico. Una misura di legge che nella nuova Ordinanza Tesei è stata modificata con il divieto di creare assembramenti nei pressi dei pubblici esercizi.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina