Partita condizionata dal maltempo e dal terreno di gioco molto pesante e rovinato dalla pioggia. Succede tutto negli ultimi 20 minuti: al 73′ il gol dell’ex Casiraghi, seguito dal raddoppio di Odogwu. All’88’ Gomez accorcia le distanze ma ai rossoblu non riesce la rimonta

GUBBIO – Dopo la vittoria esterna ad Arezzo, i rossoblu di Mister Torrente cercano continuità di risultati contro la capolista Sudtirol, che da alcuni anni è tra le squadre protagoniste della serie C con un’ottima organizzazione societaria e giocatori di qualità, e che in questa stagione cerca la fuga in vetta al Campionato.

La partita rischia tuttavia di essere condizionata dal maltempo, pioggia battente dalla prima mattina a Gubbio, e terreno di gioco del “Pietro Barbetti” molto pesante. Sarà favorita da questo punto di vista, la squadra più in forma dal punto di vista atletico.

Si gioca in un “clima” particolare, dato che la città di Gubbio, come del resto tutta la provincia di Perugia, da domani mattina saranno zona rossa.

Duello tra capitani, Malaccari e Casiraghi

Mister Torrente ridisegna la formazione, con Hamlili al centro del campo, Pasquato, Fedato e Gomez il tridente d’attacco. Il Sudtirol dell’ex Daniele Casiraghi, risponde con una formazione molto solida con Vinetot, Tait, Fischanller e Karic tra gli uomini di maggior spicco.

Le formazioni

GUBBIO (4-3-3): Cucchietti; Migliorelli, Signorini, Uggè, Formiconi; Malaccari, Hamlili, Oukhadda; Pasquato, Fedato, Gomez. A disposizione: Zamarion, Elisei, Cinaglia, Munoz, Ingrosso, Sdaigui, Megelaitis, Serena, Sainz Maza, Pellegrini, De Silvestro. Allenatore: Mister Torrente

SUDTIROL (4-3-1-2): Poluzzi; Elkaouakibi, Malomo, Vinetot, Fabbri; Tait, Gatto, Karic; Casiraghi; Fischnaller, Odogwu. A disposizione: Meneghetti, Pircher, Curto, Davi, Morelli, Voltan, Fink, Greco, Beccaro, Rover, Magnaghi, MarchiAllenatore: Mister Vecchi

Il neo acquisto Fedato

La partita

Subito al 7′ è pericoloso Malaccari, para Poluzzi. Dopo due punizioni interessanti di Pasquato e Casiraghi, è Fischnaller che sugli sviluppi di un calcio d’angolo calcia a rete da buona posizione, Cucchietti compie un buon intervento e sventa la minaccia.

C’è tempo ancora per una conclusione alta sopra la traversa di Pasquato e per un’azione del solito Fishnaller che impegna Cucchietti, che però si infortuna ed è costretto a lasciare il posto a Zamarion.

La ripresa inizia con uno spunto molto pericoloso di Fedato, a cui Poluzzi si oppone in tuffo. Poi è Karic a divorarsi il gol a porta vuota per un’uscita sbagliata del portiere rossoblu. Al 28′ Casiraghi porta in vantaggio gli ospiti, calciando in porta imparabilmente un calcio di punizione dal limite dell’area di rigore.

Inizia il finale di partita emozionante: Pasquato commette un fallo da rigore su Marchi, dal dischetto  Odogwu realizza il raddoppio del Sudtirol.

Al 44′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Pasquato, Gomez realizza anticipando la difesa avversaria. La rimonta eugubina non riesce, finisce con la vittoria esterna del Sudtirol, squadra apparsa più forte del Gubbio.

Gubbio-Sudtirol 1-2

Commento finale 

Nel girone di ritorno, i rossoblu hanno perso a Modena e in casa contro la Sambenedettese, riscattandosi con la vittoria di Arezzo, che ha preceduto la sconfitta di oggi pomeriggio contro il Sudtirol. In 4 partite, il Gubbio ha collezionato 3 sconfitte e 1 vittoria, conquistando 3 punti su 12 in palio.

Nonostante questi numeri negativi, il lavoro di crescita tecnica e di organico della squadra portato avanti da Mister Vincenzo Torrente è sotto gli occhi di tutti. Torrente ha costruito dal nulla una squadra, le ha dato un’identità di gioco, l’ha risollevata dalla zona retrocessione sfiorando i play off.

Ancora adesso sta modificando l’impianto di gioco sperimentando nuove soluzioni e nuovi ingressi nell’undici titolare, come la presenza di oggi di Hamlili al centro del campo. Presto, siamo convinti, torneranno anche i risultati.

Francesco CaparrucciFotografie Simone Grilli