Nel primo tempo dopo un avvio di partita di marca rossoblu, al 25′ Spagnoli porta in vantaggio i padroni di casa. Al 41′ Scappini si mangia il possibile raddoppio. Nella ripresa al 14′ secondo gol gialloblu con Prezioso servito da Sodinha

GUBBIO – I rossoblu di Mister Torrente giocano oggi (domenica 24 gennaio) una partita difficilissima allo stadio “Alberto Braglia” di Modena contro una delle migliori squadre del Campionato di serie C girone B.

Il Modena è tuttavia reduce dalla sconfitta interna contro la Virtus Verona, risultato che conferma l’equilibrio che domina in Campionato, mentre il Gubbio viene dal pareggio esterno a Fano, una partita nella quale mister Torrente ha detto che “si sarebbe potuto fare meglio“.

C’è maltempo e nebbia a Modena, con i rossoblu che schierano un tridente d’attacco più prudente, con Pasquato Sainz Maza e Gomez, senza un centravanti vero per non dare riferimenti importanti agli avversari. Un attacco duttile, di grandi qualità tecniche, veloce. Potrebbe essere la chiave giusta della partita.

Le formazioni

MODENA (4-3-1-2): Gagno; Bearzotti, Zaro, Pergreffi, Varutti; Prezioso, Gerli, Castiglia; Sodinha; Scappini, Spagnoli. A disposizione: Narciso, Chiossi,  De Ingegneri, Tulissi, Corradi, De Santis, Mattioli, Davì, Muroni, Abiuso, Costantino, Monachello. Allenatore: Mignani

GUBBIO (4-3-3): Cucchietti; Munoz, Signorini, Uggè, Formiconi; Serena, Malaccari, Oukhadda; Pasquato, Sainz Maza, Gomez. A disposizione: Zamarion, Elisei, Cinaglia, Ferrini, Migliorelli, Gaia, Pellegrini, De Silvestro, Gerardi. Allenatore: Torrente

La partita

Padroni di casa nella classica tenuta gialla, Gubbio in maglia bianca da trasferta. Giornata tipicamente invernale a Modena, con un accenno di nebbia. La partita è subito vibrante, con i padroni di casa in attacco trascinati da Sodinha che cerca di far valere il tasso tecnico da categoria superiore.

Il Gubbio riparte velocemente in contropiede, e costruisce la prima vera occasione pericolosa della partita con un colpo di testa ravvicinato di Sainz Maza che fa gridare al gol, ma l’estremo difensore gialloblu compie una grande parata e l’azione sfuma.

E’ il Gubbio senza dubbio ad aver interpretato meglio la partita nei primi minuti di gioco, ripartendo in contropiede. Il Modena si difende con difficoltà.

Ma il calcio riserva sempre sorprese, e proprio nel momento in cui i rossoblu stavano mettendo in seria difficoltà i padroni di casa, al 25′ arriva il vantaggio del Modena con una veloce combinazione tra Gerli e Alberto Spagnoli conclusa da quest’ultimo con un tiro potente e preciso con il quale trafigge Cucchietti.

Viene ammonito Formiconi, la partita vive un momento di stallo, i rossoblu hanno perso l’iniziale veemenza offensiva. Al 41′ il Modena sfiora il raddoppio con Scappini che, al termine di una combinazione a tre con Castiglia e Spagnoli, calcia alto sopra la traversa da posizione invitante.

Adesso la partita è capovolta, il Modena preme in attacco, il Gubbio si difende. I primi 45 minuti di gioco terminano con i gialloblu in vantaggio 1-0 sul Gubbio che nella prima parte di tempo li ha messi in seria difficoltà.

La ripresa inizia con un tiro alto di Formiconi. Al 14′ il raddoppio dei padroni di casa con Mario Francesco Prezioso che, ottimamente servito da Sodinha, insacca da posizione defilata il 2-0 per il Modena.

Mister Torrente sostituisce Munoz con De Silvestro, nel Modena fuori Prezioso e Scappini, sostituiti da Muroni e Monachello. Fuori anche Sodinha e Varutti, sostituiti da Davì e Mattioli.

Al 35′ il Modena con Davì sfiora la terza marcatura ma, sul traversone di Monachello, il centrocampista padrone di casa non impatta il pallone e l’azione sfuma. Per i rossoblu escono Serena e Pasquato, al loro posto Pellegrini e Migliorelli.

Nel finale ci prova Castiglia ma Cucchietti è attento. Il direttore di gara concede 4 minuti di recupero, ma non succede altro e la partita termina 2-0 per il Modena grazie alle reti di Spagnoli nel primo tempo, e Prezioso nella ripresa.

E’ stata una partita per molti versi simile a quella persa in casa contro il Padova, la caratura superiore dell’avversario ha fatto la differenza. Con questa sconfitta il Gubbio interrompe la striscia di tre risultati utili consecutivi. Domenica prossima al “Pietro Barbetti” arriva la Sambenedettese.

Francesco Caparrucci