Alfredo Minelli: “Dobbiamo essere consapevoli del nostro ruolo di solidarietà, siamo capaci di vivere certe emozioni anche in solitudine. Viviamo il nostro tempo per come possiamo e come dobbiamo, sempre fedeli ai nostri scopi e ai nostri valori

Il Vescovo Luciano

GUBBIO – Alle ore 18, sul treppiedi nella Piazzetta di Sant’Antonio, rispettando le norme anti contagio, è stato acceso e spento nel volgere di pochi minuti il tradizionale fuoco che la sera del 17 gennaio segna l’inizio dei festeggiamenti per l’investitura del nuovo Capodieci.

Quanto sia importante questo momento per tutti i Santantoniari, lo ha spiegato il Presidente della Famiglia Alfredo Minelli durante il suo intervento a conclusione della Messa a San Domenico.

Il Presidente Alfredo Minelli ha detto: “Non vi nascondo la mia emozione e malinconia, questo avrebbe dovuto essere il primo appuntamento dell’anno di avvicinamento alla nostra amata Festa dei Ceri.

Oggi significa che tante cose sono cambiate, viviamo da un anno in un clima che ha stravolto la nostra vita con lutti e dolori. Sappiamo anche che la nostra prossima Festa dei Ceri si allontana. 

Il Presidente Alfredo Minelli

Non dobbiamo pensare a queste rinunce come a qualcosa di irrinunciabile ma essere consapevoli del nostro ruolo di solidarietà, siamo capaci di vivere certe emozioni anche in solitudine. Viviamo il nostro tempo per come possiamo e come dobbiamo, sempre fedeli ai nostri scopi e ai nostri valori“.

Precedentemente erano state recitate la “Preghiera a Sant’Antonio Abate” scritta da Pietrangelo Farneti in occasione della visita ad Arles in Francia il 2 novembre 2002, e la “Preghiera del Ceraiolo” composta dall’avvocato Giorgio Gini a Gubbio il 14 settembre 1977.

Il Presidente Alfredo Minelli ha aggiunto: “E’ sicuramente una giornata stravolta ma nel rispetto delle norme perché ogni Associazione deve lanciare questo messaggio. Quest’anno non abbiamo potuto benedire i 37 bambini nati nel 2020, però leggiamo i lori nomi e sotto la reliquia del Santo abbiamo sistemato i loro fazzolettoni”. 

Reliquia di S. Antonio Abate a San Domenico

Questi i nomi dei bambini nati nel 2020 che dovevano ricevere la benedizione nel giorno di Sant’Antonio Abate: Edoardo Aluigi, Enea Amedei, Anita Ambrogi, Lara Angeletti, Arianna Astolfi, Amedeo Bedini, Lisa Bei, Tomas Calzettoni.

Eletta Casagrande, Alice Ciotti, Maria Vittoria Cipriano, Giulia Cuccarini, Lara De Franco, Mattia Dragoni.

Gaia Filippini, Giulio Fiorucci, Gaggi Martina, Gaggiotti Filippo, Gia Ghirelli, Adelaide Malvardi, Ettore Mearini, Caterina Orlandi, Sonia Panfili, Martino Passeri, Sara Passeri, Ascanio Pierotti.

Ettore Pierotti, Agnese Pollo, Mattia Pompei, Eleonora Radicchi, Matilde Radicchi, Martino Ragni, Matilde Ramacci, Desirè Saldi, Pietro Tinti, Tommaso Tognoloni, Martina Uccellani.

Li ricorderemo anche per un anno così particolare“, ha concluso il Presidente Alfredo Minelli visibilmente emozionato.

Cronaca Eugubina n.211: https://www.yumpu.com/xx/document/read/65207224/cronaca-eugubina-n211

Francesco Caparrucci