Nel primo tempo al 25′ il vantaggio del Gubbio con il colpo di testa acrobatico di Gomez. Al 35′ pareggia il Matelica con un gran gol su punizione di Volpicelli. Al 42′ nuovo vantaggio eugubino con il gol di rapina di Ferrini. Al 10′ della ripresa terzo gol rossoblu con Oukhadda

GUBBIO – Si gioca di sabato pomeriggio allo stadio “Helvia Recina” di Macerata, la sfida di centro classifica tra il Matelica neo promosso e il Gubbio, che viene da cinque risultati utili consecutivi ma che in settimana ha perso per infortunio il portiere titolare Cucchietti.

Mister Torrente schiera la formazione tipo, con la conferma di De Silvestro in attacco dal primo minuto di gioco al posto di Gerardi non brillantissimo nelle ultime partite dopo un avvio di stagione molto promettente. Il tridente offensivo è completato dalla classe di Gomez e Pasquato.

Pasquato in azione contro il Matelica

Le formazioni 

MATELICA (4-3-3): Cardinali; Masini, De Santis, Magri, Maurizii; Calcagni, Bordo, Balestrero; Volpicelli, Moretti, Leonetti. A disposizione: Martorel, Puddu, Fracassini, Barbarossa, Pizzutelli, Baraboglia, Peroni, Franchi, Ruani. Allenatore: Gianluca Colavitto

GUBBIO (4-3-3): Zamarion; Munoz, Uggè, Signorini, Ferrini; Oukhadda, Megelaitis, Malaccari (Capitano); De Silvestro, Pasquato, Gomez. A disposizione: Montanari, Elisei, Cinaglia, Formiconi, Migliorelli, Sdaigui, Lovisa, Pellegrini, Gerardi. Allenatore: Vincenzo Torrente 

La partita 

Le due squadre si dispongono in campo con lo stesso modulo di gioco, il 4-3-3, Gubbio con la maglia bianca da trasferta. Partita subito viva con le squadre che attaccano e ripartono in contropiede, al 7′ molto pericoloso un tiro di De Silvestro dalla destra, palla di poco a lato sul palo lungo. Precedentemente era stato ammonito Megelaitis per fallo tattico a centrocampo.

Oukhadda tra i migliori in campo

La sensazione iniziale è che sia il Gubbio a fare la partita. Matelica imbattuto fino al momento all’Helvia Recina di Macerata. Ritmi di gioco molto sostenuti. Al 10′ traversone in area rossoblu con il colpo di testa in corsa di Leonetti alto sopra la traversa.

La partita è equilibrata con molta intensità di gioco ma poche occasioni veramente pericolose. Al 17′ il cross in area biancorossa da parte di Malaccari non è raccolto da nessuno e l’azione sfuma.

Al 25′ i rossoblu passano in vantaggio con il colpo di testa acrobatico di Janito Gomez, che raccoglie e deposita in rete il traversone di Munoz. Non impeccabile Cardinali, ma il colpo di testa era molto ravvicinato. Il Gubbio è padrone del campo e anche superiore tecnicamente rispetto agli avversari. Male i padroni di casa, senza idee e incisività offensiva.

Al 35′ il Matelica pareggia sugli sviluppi di un calcio di punizione dai 25 metri, calcia in maniera perfetta Emilio Volpicelli con il pallone che si insacca imparabilmente sotto la traversa sul palo lungo. Momento propizio per i padroni di casa, che al 38′ colpiscono la traversa con un gran tiro di Bordo da fuori area.

Esultanza al gol di Ferrini

Al 42′, sugli sviluppi di un’azione avviata da Pasquato e proseguita con una mischia in area di rigore, Manuel Ferrini è molto bravo a mettere la palla in rete per il nuovo vantaggio rossoblu. Un gol di rapina da attaccante puro per il difensore eugubino. Non succede altro: è 2-1 per i rossoblu nei primi 45 minuti di gioco.

La ripresa inizia con gli stessi effettivi del primo tempo. Al 10′, al primo vero affondo del secondo tempo, i rossoblu segnano il terzo gol con Shady Oukhadda che calcia di precisione in rete raccogliendo un cross dalla destra. Gubbio in forma e padrone del campo.

Al 15′ è il capitano Malaccari a farsi pericoloso dalla distanza, palla a lato. Al 19′ Volpicelli su calcio di punizione sfiora il gol. Al 20′ gran tiro dal limite dell’area di rigore di Volpicelli, con Zamarion che si oppone molto bene e salva il risultato.

Partita spigolosa negli ultimi minuti di gioco. Esce Gomez sostituito da Gerardi per un piccolo scampolo di partita. Cinque minuti di recupero: ma non succede altro, è 3-1 del Gubbio a Macerata contro il Matelica.

Vincenzo Torrente 

Il commento

Grandi i meriti di mister Vincenzo Torrente, vero protagonista di questa rinascita rossoblu. I punti di forza del Gubbio al momento sono il gruppo unito e compatto e la determinazione e la qualità del tecnico eugubino.

E’ il sesto risultato utile consecutivo conquistato dai ragazzi di Mister Torrente, dopo la vittoria contro la Triestina, quella esterna a Ravenna, e i pareggi contro il Virtus Verona, al “Renato Curi” contro il Perugia e interno contro la FeralpiSalò. 

Cronaca Eugubina n.209: https://www.yumpu.com/xx/document/read/65012873/cronaca-eugubina-209-2020-web

Francesco CaparrucciFotografie Simone Grilli