Nella notte tra sabato 7 e domenica 8 novembre la pattuglia è stata impegnata dalla Sala Operativa di Santa Lucia per due chiamate di intervento, di cui una per la segnalazione di un presunto furgone sospetto, poi rilevatasi infondata

GUBBIO – Ottima risposta della città di Gubbio e della popolazione alle prime due notti di coprifuoco nazionale, con il blocco dei movimenti stabilito per Legge (Dpcm del 3 novembre 2020) dalle ore 22 alle 5 di mattina fino al prossimo 3 dicembre.

I controlli da parte di Polizia Locale e Carabinieri sono stati compiuti in coordinamento, e sono iniziati subito dopo le ore 21 su tutto il territorio comunale di Gubbio nelle notti tra venerdì 6 e sabato 7 novembre, e tra sabato 7 e domenica 8 novembre, e proseguiranno nelle prossime serate.

Notte tra sabato e domenica

I controlli della Polizia Locale sono iniziati in Piazza Quaranta Martiri subito dopo le ore 22 e sono proseguiti nel centro storico e in periferia su tutto il territorio comunale eugubino.

Nessuna persona a piedi e del tutto assente il traffico veicolare, con una sola automobile che ha fatto rientro nel centro storico con il conducente che tornava dal lavoro. La pattuglia è stata impegnata dalla Sala Operativa di Santa Lucia per due chiamate di intervento, di cui una per la segnalazione di un presunto furgone sospetto, poi rilevatasi infondata.

Una nottata caratterizzata da strade deserte da nord a sud, da est a ovest del territorio comunale, e dal rispetto rigoroso delle norme di legge stabilite dall’ultimo Dpcm del 3 novembre da parte degli eugubini.

La Polizia Locale in Via della Repubblica

Notte tra venerdì e sabato

Dapprincipio sono stati controllati i cosiddetti “Club” giovanili, circoli privati e luoghi di ritrovo sia nel centro storico che in periferia da Branca a Mocaiana, senza che siano state rilevate anomalie perché sono stati trovati tutti chiusi.

Quindi i controlli hanno interessato anche il traffico veicolare, con pochissime automobili in circolazione dopo le ore 22. Sono state controllate circa una decina di vetture in movimento e per tutte è stato accertato che lo spostamento era giustificato da motivi di lavoro, quindi consentito per Legge. Gli automobilisti hanno mostrato l’autocertificazione conforme alle norme stabilite dal Dpcm del 3 novembre 2020.

Sono state controllate anche le attività che potevano effettuare l’asporto di cibo, e anche in questo caso è stato accertato il rispetto dei principi stabiliti dal Dpcm governativo.

Cronaca Eugubina n.208: https://www.yumpu.com/it/document/read/64732799/cronaca-eugubina-n208

Francesco Caparrucci Fotografie Cronaca Eugubina