Nel primo tempo domina l’equilibrio. Sono due le azioni pericolose: di Pasquato al 26′ e De Feo al 42′, entrambi sfiorano la rete del vantaggio. Nella ripresa Malaccari colpisce un palo e Pellegrini calcia di poco a lato dall’area piccola. Poi la rete decisiva al 32′ di Federico Giraudo 

GUBBIO – Un’altra partita molto importante per i ragazzi di mister Vincenzo Torrente, quella di oggi (domenica 1 novembre) a Pesaro contro la Vis Pesaro, che in classifica precede i rossoblu di sole 2 lunghezze a quota 5 punti.

Uno scontro salvezza che il Gubbio non può sbagliare, anche se dovrà fare a meno di Gomez, uno degli uomini più importanti e talentuosi della formazione rossoblu. Sul cammino degli eugubini due grandi ex: Ettore Marchi e Giuseppe Galderisi.

Le formazioni

VIS PESARO (3-5-2): Bastianello; Gennari, Farabegoli, Stramaccioni; Eleuteri, Benedetti, Pezzi, Gelonese, Giraudo; De Feo, Marchi. A disposizione: Bianchini, Marcheggiani, Pannitteri, Lelj, Gaudenzi, Nava, Blue, Cannavò, Faraghini, Ejjaki, Brignani, Ngissah. Allenatore: Galderisi 

GUBBIO (4-3-3): Cucchietti; Cinaglia, Uggè, Signorini, Ferrini; Malaccari, Megelaitis, Oukhadda; De Silvestro, Gerardi, Pasquato. A disposizione: Zamarion, Sorbelli, Formiconi, Munoz, Migliorelli, Sdaigui, Ruggeri, Sainz Maza, Pellegrini. Allenatore: Galderisi 

La partita 

Partita intensa fin dai primi minuti di gioco, con al 17′ il primo tiro in porta di Gerardi di poco a lato. Al 20′ tiro centrale di De Silvestro. Al 22′ conclusione ravvicinata di Gerardi con il portiere che smanaccia in angolo. Al 26′ tiro di Pasquato pericoloso, deviato in corner dal portiere avversario.

Poi ancora De Silvestro cerca il “sette“, ma non lo trova per un soffio. La prima mezzora di gioco è totalmente rossoblu. Ma la partita cambia da questo momento in avanti, con il ritorno dei padroni di casa che, trascinati da Marchi, guadagnano campo e si fanno pericolosi.

Al 35′ risponde il Gubbio con un’azione d’attacco stupenda e tutta in velocità Malaccari, De Silvestro, Pasquato che sbaglia il suggerimento finale per un compagno in corsa. Il Gubbio torna a spingere intorno al 40′ ma manca la precisione nell’ultimo passaggio.

Al 42′ De Feo sfiora la rete del vantaggio per i padroni di casa, con una girata in area di rigore di poco alta sopra la traversa della porta difesa da Cucchietti. Dopo 2 minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine dei primi 45 minuti di gioco: è 0-0 dominato dall’equilibrio.

La ripresa inizia con ritmi molto alti e con i padroni di casa in attacco, ma domina sempre l’equilibrio. Al 16′ azione d’attacco del Gubbio, passaggio filtrante per Malaccari che conclude in porta e colpisce il palo. Poi Formiconi rileva Cinaglia.

Il Gubbio attacca ora alla ricerca del vantaggio, ma dopo 25′ è sempre 0-0. Alla mezzora la pressione del Gubbio produce un’azione molto pericolosa, la conclusione di Pellegrini dall’interno dell’area piccola è di poco fuori. Al 32′ padroni di casa in vantaggio con Federico Giraudo, che raccoglie un traversone dalla destra e batte rasoterra in rete sul palo lungo.

Gli ultimi minuti di gioco sono intensissimi, nel finale proprio Malaccari sfiora il gol del pareggio. Sono 4 i minuti di recupero: spinge fino alla fine il Gubbio alla ricerca del pareggio, ma non c’è più tempo, finisce 1-0 per i padroni di casa.

Statistiche 

Nelle prime 8 partite di Campionato, il Gubbio ha raccolto 3 punti frutto dei pareggi con Arezzo (al “Pietro Barbetti”), Sudtirol (sul neutro di Salò) e Legnago Salus, e 5 sconfitte contro Modena, Sambenedettese, Cesena, Fermana e Vis Pesaro.

Francesco Caparrucci