Da indiscrezioni, sembra che l’Ordinanza rivista non conterrà più le restrizioni relative alla somministrazione esterna di alimenti e bevande dopo le ore 23, oltre all’allungamento alle ore 2:00 dell’orario di chiusura delle attività del centro storico di Gubbio

GUBBIO – “È stato un incontro positivo in termini di dialogo e di confronto.spiega a Cronaca Eugubina il Sindaco StiratiIl concetto fondamentale è trovare soluzioni condivise e inclusive a beneficio di tutti i soggetti coinvolti. Rivedremo l’ordinanza dandone a breve comunicazione“.

La riunione a Palazzo Pretorio tra l’Amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Filippo Stirati e l’assessore Giovanna Uccellani, le Associazioni di categoria con Lupini e Bettelli per la Confcommercio e Franceschetti per la Confesercenti, e i titolari delle attività del centro storico, è iniziato alle ore 15 e si è protratta per circa due ore.

E’ intervenuto per primo il Sindaco di Gubbio, che ha aperto il confronto e il dialogo con le Associazioni di categoria e gli esercizi pubblici, che sabato sera avevano potuto contare anche sulla solidarietà di alcuni commercianti che hanno mantenuto accese le luci delle vetrine.

Da indiscrezioni trapelate nel corso del pomeriggio, sembra che l’Ordinanza rivista non conterrà più le restrizioni relative alla somministrazione esterna di alimenti e bevande dopo le ore 23, oltre all’allungamento alle ore 2:00 dell’orario di chiusura delle attività del centro storico di Gubbio.

Stirati, a Cronaca Eugubina, aveva già dichiarato: “Veniamo da un’estate vivace, da un luglio e un agosto che abbiamo definito eccezionali per ammissione stessa degli operatori del centro storico, e non ho mai detto che la responsabilità delle criticità del centro città è dei titolari delle attività“.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina