Il Preside David Nadery: “Siamo contenti dei risultati raggiunti dagli alunni e della soddisfazione espressa dalle Commissioni esaminatrici. Garantite tutte le procedure di sicurezza

GUBBIO – Cronaca Eugubina ha intervistato Alessio Ercolani, Pietro Sannipoli, Alessia Gaggiotti e Filippo Maria Antoniacci che hanno conseguito la votazione massima di 100 e lode alla Maturità presso l’Istituto superiore “Cassata Gattapone” di Gubbio. Un risultato di grande valore didattico, soprattutto perché conseguito in una situazione generale di emergenza sanitaria.

Allora ragazzi, Come è andata la Maturità e quali sono stati i momenti più semplici e difficili dell’Esame?

Alessio Ercolani (18 anni Informatico): “È andata nei migliori dei modi, durante l’Esame non c’è stato momento più facile o difficile, ma ritengo la parte più complicata la sua preparazione, l’organizzazione degli argomenti da ripassare e l’organizzazione con i compagni di classe per sintetizzare gli argomenti in modo facile.

L’Esame ha scaturito uno stress elevato, ma mi sono reso disponibile ad aiutare i compagni tramite videochiamate, per i dubbi sugli argomenti da studiare”.

Pietro Sannipoli (18 anni Elettronico): “L’Esame è andato benissimo, sono stato fortunato che i professori ci hanno aiutato molto nel fare i collegamenti, credo che molto ha influito il fatto che in questi 5 anni ho sempre studiato quindi mi sono ritrovato a riportare argomenti che dovevo solo ripassare.

L’ansia c’era dopo un periodo del genere, infatti è stato faticoso studiare in casa anche dopo il lockdown per preparare l’Esame, però ne è valsa la pena”.

Alessia Gaggiotti (18 anni Biologico): “L’Esame è andato molto bene, è stato un momento emozionante che ha segnato la fine di un importante percorso, non solo scolastico, ma anche di crescita personale, fatto di tanto impegno e dedizione, di rinunce e resilienza, di orgoglio e passione. I momenti più semplici sono stati il primo, in cui ho esposto l’elaborato da me prodotto e quello relativo al percorso PCTO.

Il momento più difficile è stato il terzo, in cui si doveva discutere un argomento scelto dalla commissione in modo completo ed esaustivo strutturando un discorso articolato che comprendesse collegamenti con tutte le discipline oggetto d’Esame”.

Filippo Maria Antoniacci (19 anni Biologico): “L’Esame è andato bene, per me la cosa più difficile è stata la preparazione perchè essendo a distanza anche i consigli dei professori sono stati più complicati da avere e con il covid-19 è stato stravolto tutto come la tipologia dell’Esame, per capirlo è stato complesso.

Non era facile poiché totalmente orale, la prima parte più facile è stata quella della tesina perché programmata, le altre domande a partire da un’altra immagine proposta dalla commissione a cui collegare le materie è stata più difficoltosa essendoci dietro un ragionamento”.

Quali sono adesso le prospettive future?

Alessio Ercolani: “Pensavo di fare ingegneria informatica, ad oggi sto scegliendo quale Università prendere, se Bologna o Perugia, attendendo una risposta in merito ai risultati del test di ammissione. Il settore informatico mi piace molto e spero possa portare a degli sbocchi lavorativi futuri”.

Pietro Sannipoli: “Probabilmente prenderò l’Università di economia o a Perugia o a Siena, dato che mi piace molto quel settore. Anche quando ero piccolo dovevo sceglie fra commerciale ed elettronico e mi è sempre rimasta questa passione”.

Alessia Gaggioti: “Spero di riuscire a superare il test di ammissione alla Facoltà di Medicina per poter diventare pediatra, che è da sempre il mio più grande sogno”.

Filippo Maria Antoniacci: “Voglio iscrivermi a medicina, ho già fatto l’iscrizione per il test di ammissione, quello è il mio obiettivo. Come alternativa ho deciso di iscrivermi a chimiche e tecniche farmaceutiche dato che i primi esami sono molto preparativi per fare il test di medicina, come biologia e chimica”.

Eliana Bucchi