La nipote Lia Nardelli: “Una donna discreta, pronta su tutto, mai arrabbiata, sempre prodiga ad aiutare gli altri. Per me è stata quasi una mamma. Molte persone a Gubbio la ricordano come insegnante di inglese, ha insegnato la lingua inglese a generazioni di eugubini

Adalgisa Saldi con la pergamena del Maggio Eugubino

GUBBIO – Si è spenta all’età di 100 anni, festeggiati lo scorso settembre alla Casa di Riposo Mosca, la signorina Adalgisa Saldi, nata il 19 agosto del 1919 a Barre nel Vermont negli Stati Uniti d’America, da genitori eugubini emigranti per motivi di lavoro, a Gubbio maestra elementare e successivamente insegnante madrelingua di inglese.

La Messa per il suo funerale è stata celebrata all’interno della Cappella della Casa di Riposo Mosca, officiata da don Fausto Panfili alla presenza della nipote, la signora Lia Nardelli subito tornata da Torino con la figlia, appena appresa la notizia della morte della cara zia “Gisa”, come molti suoi ex alunni continuavano affettuosamente a chiamarla. La signorina Saldi è stata sepolta al Cimitero centrale accanto al nonno.

Contattata telefonicamente da Cronaca Eugubina, la signora Lia Nardelli ha ricordato la zia con queste parole: “E’ stata una donna eccezionale, tutti la ricordiamo così. Una donna discreta, pronta su tutto, mai arrabbiata, sempre prodiga ad aiutare gli altri. Per me è stata quasi una mamma.

Molte persone a Gubbio la ricordano come insegnante di inglese, ha insegnato la lingua inglese a generazioni di eugubini. La zia Adalgisa è stata una maestra, un’educatrice e una zia notevole“.

I 100 anni di Adalgisa Saldi alla Casa di Riposo Mosca

Ricordano la signorina Adalgisa Saldi anche le animatrici della Casa di Riposo Mosca. Questo il loro ricordo emozionato: “Una donna pacata, silenziosa, che ha trasmesso tanti valori a tutti. Ma anche una donna di una straordinaria modernità“.

La storia della signorina Adalgisa Saldi

Di seguito riportiamo la storia della vita della signorina Adalgisa Saldi, come lei stessa ce la raccontò nel settembre scorso, quando la intervistammo alla Casa di Riposo Mosca in occasione della festa per i suoi 100 anni.

Quel giorno intervennero il sindaco Filippo Stirati, Il Vescovo Luciano e il Presidente del Maggio Eugubino Lucio Lupini, che le donò una pergamena ricordo come socia dell’Associazione e appassionata lettrice dell’Eugubino.

La signorina “Gisa” ci raccontò: “Sono nata il 19 agosto del 1919 a Barre nel Vermont negli Stati Uniti d’America, da genitori eugubini emigranti per motivi di lavoro. Mio padre si chiamava Ubaldo Saldi e faceva il marmista a San Pietro, mia madre Cristina Minelli.

Si trasferirono da Gubbio negli Stati Uniti all’incirca nel 1911 e li si sposarono ed ebbero tre figli: io (Adalgisa Saldi), Duilio e Norma, che sono venuti a mancare negli anni passati.

Adalgisa Saldi

Per motivi familiari tornammo a Gubbio nel 1930, tutta la famiglia. Viaggiammo molti giorni su una nave che credo si chiamasse “Conte Grande“, dov’era alloggiato anche il famoso pugile Primo Carnera.

Al rientro a Gubbio mi diplomai maestra elementare, e negli anni ’40 iniziai a insegnare nelle scuole di campagna a Semonte, Scorcello, Burano, e infine a Madonna del Ponte

Ho insegnato anche lingua inglese, ero madrelingua. Ho insegnato fino a 70 anni, poi nel 1989 sono andata in pensione. Da ragazza abitavo in Via Reposati, poi dagli anni ’70 in Via Perugina. I ricordi più belli che ho sono quelli legati all’amicizia con la maestra Del Sole e con la famiglia Minelli“.

Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina