Gubbio-Triestina 2-2. Rossoblù in vantaggio con Maini e Chinellato. Poi la rimonta ospite con Granoche

Sul 2-0 per i rossoblù la partita scorre sui binari della tranquillità fino alla mezz’ora. Quando, nel giro di pochi minuti, la Triestina riesce a riprenderla con Granoche, che prima (al 31′) accorcia con un colpo di testa e successivamente (al 34′) la pareggia su calcio di rigore

GUBBIO – Un punto che muove la classifica per il Gubbio, ma che lascia un po’ d’amaro in bocca.

I rossoblù, infatti, dopo essere stati meritatamente avanti di due reti e condotto una buona partita per gran parte di match, sono stati raggiunti da una doppietta di Granoche.

Con il punto la squadra di mister Galderisi raggiunge quota 39 e domenica, trasferta sul campo del Vicenza.

Le formazioni  

Galderisi schiera il 3-5-1-1. Davanti all’estremo difensore Marchegiani, linea di difesa formata da Espeche, Maini e Lo Porto; a centrocampo da destra Ferretti, Malaccari, Benedetti, Davì e Pedrelli. Di punta Chinellato, supportato da Casiraghi.

La Triestina è schierata da Pavanel con il 4-4-2. Alabardati con qualche novità, rispetto ad Imola: in porta Boccanera prende il posto dello squalificato Offredi, mentre a centrocampo dentro Petrella e fuori Procaccio, con Bariti dirottato sulla fascia sinistra. In attacco confermatissimo il tandem Granoche-Costantino.

Primo tempo

Il Gubbio approccia bene la partita e nei primi 4′ guadagna due corner, che però non riesce a sfruttare al meglio. Al 5′ un brutto scontro di testa Petrella-Malaccari, costringe entrambi ad uscire dal campo.

A fine partita la Società con un comunicato ufficiale ha comunicato quanto segue: “Il giocatore rossoblù Nicola Malaccari, durante la partita di oggi, tra Gubbio e Triestina, al 7′ del primo tempo, durante un contrasto fortuito, ha riportato un trauma allo zigomo destro. Dopo essere stato visitato dai medici dell’Ospedale di Branca, il giocatore eugubino verrà trasferito nelle prossime ore presso il reparto di maxillo-facciale del Nosocomio di Terni per un’ulteriore valutazione“.

Il Gubbio fa la sua partita senza paura, anche se non crea grossi grattacapi alla Triestina. Così al 26′ è proprio la squadra di Pavanel a farsi pericolosa con un cross di Procaccio dalla sinistra che va ad accarezzare la traversa.

Replica il Gubbio al minuto 33, con un tiro di Casiraghi bloccato facilmente da Boccanera. Rossoblù che passano al 38′ con Maini, che approfitta di un’uscita errata del portiere dei giuliani Boccanera dopo una punizione di Casiraghi dalla trequarti e deposita in rete a porta sguarnita. La prima frazione termina con il Gubbio meritatamente in vantaggio 1-0.

Il gol di Granoche

Secondo tempo

La ripresa si apre con la Triestina che opera due cambi: Steffè per Maracchi e Formiconi per Libutti. Pavanel cerca di dare una scossa ai suoi, ma il primo pericolo lo porta il Gubbio con Casiraghi, che dopo una fuga in velocità mette in area una palla interessante, intercettata in extremis da Boccanera.

La Triestina non si sveglia e così il Gubbio la castiga ancora, questa volta con Chinellato (minuto 16), che sfrutta un passaggio perfetto di Casiraghi e da due passi fredda Boccanera: 2-0.

La partita scorre sui binari della tranquillità fino alla mezz’ora. Poi nel giro di pochi minuti, la Triestina riesce a riprenderla con Granoche, che prima (al 31′) accorcia con un colpo di testa e successivamente (al 34′) la pareggia su calcio di rigore. Finisce 2-2.

Il tabellino

Gubbio (3-5-1-1): Marchegiani; Espeche, Maini, Lo Porto; Ferretti (38′ st Tofanari), Malaccari (9′ pt Conti M), Benedetti, Davì, Pedrelli; Casiraghi (38’st Battista); Chinellato (23′ st Plescia).

A disposizione: Battaiola, Nuti, De Silvestro, Schiaroli, Tavernelli, Ricci, Campagnacci, Cattaneo. Allenatore: Giuseppe Galderisi

Triestina (4-4-2): Boccanera; Libutti (1′ st Formiconi), Malomo, Lambrughi, Frascatore (27′ st Hidalgo); Petrella (12′ pt Procaccio), Coletti, Maracchi (1′ st Steffè), Bariti; Costantino (22′ st Mensah), Granoche.

A disposizione: Matosevic, Pizzul, Codromaz, Beccaro, Pedrazzini, Messina. Allenatore: Massimo Pavanel

Arbitro: De Angeli di Abbiategrasso. Assistenti: Catamo di Saronno-Avalos di Legnano

Reti: 38′ pt Maini, 16′ st Chinellato, 31′ e 34′ st Granoche.

NOTE: ammoniti Frascatore, Procaccio, Chinellato, Ferretti, Malomo; rec.tempo: 4′ pt; 4′ st; angoli 6-5; osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto de L’Aquila del 6 aprile 2009.

Emanuele Giacometti – Foto Gianluca Benedetti 

domenica 7 aprile 2019 - 18:21|Articoli, Sport|