Gubbio aderisce all’associazione “La strada della ceramica in Umbria” con Gualdo Tadino, Deruta e Orvieto

Il Sindaco Stirati: “Quest’associazione ha degli obiettivi ambiziosi, tra cui quello di dare vita ad itinerari turistici legati a questa attività pregiata della nostra Regione e al rilancio della valorizzazione di questa tradizione, che sia legata ad una serie di azioni di comunicazione, di promozione

Il Sindaco Stirati

GUBBIO – Questo pomeriggio (venerdì 8 febbraio), presso la Sala Consiliare di Palazzo Pretorio, è in corso la seduta del Consiglio Comunale durante la quale è stata approvata all’unanimità l’adesione del Comune di Gubbio all’associazione “La strada della ceramica in Umbria“, assieme alle città di Gualdo Tadino, Deruta e Orvieto.

Il Sindaco Stirati ha relazionato i consiglieri comunali sul punto all’Ordine del giorno: “Quest’associazione ha degli obiettivi ambiziosi, tra cui quello di dare vita ad itinerari turistici legati a questa attività pregiata della nostra Regione e al rilancio della valorizzazione di questa tradizione, che sia legata ad una serie di azioni di comunicazione, di promozione.

All’articolo 3 viene contemplato un marchio identificativo e sito internet, affinché anche la ceramica venga proiettata in un sistema di comunicazione innovativo, e poi a tutte quelle azioni che riguardano gli scambi tra le istituzioni dei musei, la possibilità di raccogliere risorse tramite bandi europei e regionali, la partecipazione a mostre, convegni, fiere nazionali ed internazionali.

Il Consiglio Comunale

Senza dimenticare la collaborazione con Istituti d’Arte, i Licei artistici, le Accademie di Belle Arti e vorrei sottolineare le Scuole di Design visto che uno dei temi che oggi è maggiormente presente in questo settore ha a che vedere con la necessità di rinnovare i modelli realizzativi, dal momento che la ceramica sconta una fase della contemporaneità, data anche dall’offerta del mercato.

Queste azioni andranno declinate con le associazioni di categoria, con gli operatori del settore e con i soggetti pubblici e privati che possono essere coinvolti in questo tipo di attività. Credo che tutto questo sia molto importante, denuncia uno stato di necessità perché in altri tempi sarebbe stato difficile trovare un accordo tra le città della ceramica.

Questa esigenza di fare rete, di mettersi insieme rappresenta uno stato di necessità e al tempo stesso segnala un maturo salto di qualità. Credo che questo sia molto positivo e i primi ad essere andati in questa direzione nel panorama italiano siamo stati noi nel contesto regionale umbro.

Abbiamo ritenuto opportuno presentare i contenuti di questo atto in tutte e quattro le realtà umbre, Gubbio, Gualdo Tadino, Deruta e Orvieto che rappresentano una tradizione secolare“.

Il punto all’Ordine del giorno e la sua immediata esecutività è stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale.

Di Ilaria Stirati – Fotografie Cronaca Eugubina

venerdì 8 febbraio 2019 - 17:18|Articoli, Politica|