Statale 219 Pian d’Assino. Il Sindaco Stirati: “Garantire interventi che rendano più sicura la strada”

Il Sindaco Stirati: “La proposta del new jersey non è tecnicamente sostenibile perché non parliamo di un asse viario di quattro corsie, ma solo di due e non è contemplato in questo tipo di caratteristica della viabilità

Il Sindaco Stirati in Consiglio Comunale

GUBBIO – Durante la seduta pomeridiana del Consiglio Comunale di oggi (venerdì 28 dicembre), il sindaco Filippo Mario Stirati, nelle sue comunicazioni, ha affrontato la questione della statale 219 Pian d’Assino, in merito all’installazione del sistema di controllo elettronico che si attende ormai da tempo, alla sicurezza dell’asse viario e ai comportamenti definiti dal Sindaco “impropri” che si registrano percorrendo la statale.

Vorrei porre l’attenzioneha dichiarato Stiratisull’inderogabile necessità di fare tutti quegli interventi da parte degli organismi competenti, quindi Anas in testa, per rendere più sicura la nostra variante, purtroppo solo a 2 corsie, e soprattutto di effettuare quegli interventi già annunciati da tempo.

Ho ripreso le risultanze dell’incontro che si è tenuto in Prefettura il 28 febbraio di quest’anno, dove Anas annunciava che nel giro di alcuni mesi sarebbe stato posizionato quel meccanismo di controllo elettronico di ultima generazione denominato “Vergilius“, vicenda che è stata funestata poi da una serie di contenziosi che addirittura hanno determinato per Anas la perdita di questi controlli su scala nazionale, perché un’azienda ha contestato il brevetto di quest’installazione e ha avuto ragione.

Nonostante l’impegno assunto allora e il superamento di queste difficoltà, l’installazione non è ancora avvenuta. Oggi ho parlato con il nuovo Prefetto di Perugia, al quale ho manifestato ancora una volta la situazione di disagio, di criticità e la nostra indignazione in merito a questa vicenda.

Statale 219 Pian D’Assino

Non mi riferisco al caso specifico di ieri, ma bisogna dire che in generale molto spesso si registrano comportamenti impropri sia quello che riguarda la velocità delle auto, sia per quello che riguarda i sorpassi. Io stesso che la frequento spesso per ragioni istituzionali posso dire di essere costantemente testimone di comportamenti impropri che aggravano la pericolosità di un asse viario che sicuramente presenta parecchie criticità già di suo.

Vorrei che ci fosse l’onestà nell’individuare competenze, responsabilità e ruoli perché ci sono state prese di posizione disinformate o sciacalle. Inoltre, va spiegato che la proposta del new jersey non è tecnicamente sostenibile perché non parliamo di un asse viario di quattro corsie, ma solo di due e non è contemplato in questo tipo di caratteristica della viabilità.

L’unica cosa che dobbiamo fare è tenere sotto controllo questo segmento, bisogna moderare assolutamente la velocità, evitare che si facciano i sorpassi dove non sono assolutamente ammessi e garantire interventi che rendano più sicura la strada. Noi questo tipo di sollecitazione l’abbiamo manifestata già una decina di volte e non è superfluo farlo ancora. Ho già detto al nuovo Prefetto, rifacendo un po’ la storia di questa vicenda, che noi attendiamo da tempo le risposte da parte degli organismi che se ne devono occupare, Anas in testa“.

Di Ilaria Stirati – Fotografie Cronaca Eugubina

venerdì 28 dicembre 2018 - 19:24|Articoli, Politica|