Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Rinvenuta in via Cairoli una sepoltura romana con scheletro e monetina di bronzo di corredo

Giorgio Postrioti: “Per lo scheletro ritrovato non c’è datazione precisa. Si potrebbe trattare del primo e secondo secolo dopo Cristo. La tomba è molto danneggiata, la copertura è in tegoloni di terracotta piatte di cm 60×40, che costituivano la struttura della tomba, una sorta di cassa

GUBBIO – In via Cairoli, dove si stanno eseguendo i lavori per la riqualificazione della via, nella giornata di ieri (mercoledì 10 ottobre), è stata rinvenuta una sepoltura romana con all’interno i resti di uno scheletro di un uomo o di una donna (questo non si è in grado ancora di dirlo) disteso, con una monetina di bronzo di corredo.

A questo proposito abbiamo sentito telefonicamente il Dottor Giorgio Postrioti, funzionario archeologo della Soprintendenza Abap responsabile scientifico dello scavo di via Cairoli. Il Dottor Postrioti ha spiegato: “Al momento si tratta di una sepoltura isolata, siamo all’esterno dell’area urbana romana che si trovava nella parte più pianeggiante nella zona del Teatro Romano .

I romani seppellivano all’esterno dei centri abitati. Il ritrovamento è importante perché in questa zona del centro storico di Gubbio, non avevamo fino ad oggi attestazioni di presenze romane. Oggi invece sappiamo che vi era una frequentazione urbana e una destinazione a scopi funerari, ma non sappiamo se c’era una necropoli.

Per lo scheletro ritrovato non c’è datazione precisa. Si potrebbe trattare del primo e secondo secolo dopo Cristo. La tomba è molto danneggiata, la copertura è in tegoloni di terracotta piatte di cm 60×40, che costituivano la struttura della tomba, una sorta di cassa.

All’interno, in buona parte distrutto, si trova lo scheletro di un uomo o di una donna (questo non sappiamo dirlo) disteso con una monetina di bronzo di corredo. La monetina simboleggia il pagamento per il passaggio dalla vita alla morte. Anche l’esame della monetina permetterà di capire la cronologia della tomba“.

Di Francesco CaparrucciFotografie Cronaca Eugubina 

mercoledì 10 ottobre 2018 - 11:12|Articoli, Attualità|