Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

A Sansepolcro i Balestrieri eugubini vincono il Palio. Stirati: “Che soddisfazione il tiro vincente di Bicchielli”

Il Sindaco: Un ringraziamento sentito va ai vincitori, alla società Balestrieri in tutte le componenti, al presidente Cerbella in particolare, esempio instancabile di impegno e passione

Balestrieri eugubini a Sansepolcro

GUBBIO – Il sindaco Filippo Mario Stirati esprime  profonda soddisfazione per la vincita del Palio della Balestra, disputa che si è svolta ieri domenica 9 settembre a Sansepolcro,  tra i Balestrieri di Gubbio e gli ospitanti biturgensi:

E’ stata una gara appassionante, per più di una ragione. Innanzi tutto perché con questa vittoria la città ha superato la serie negativa che stavamo accumulando, e poi perché vedere il veterano Giampiero Bicchielli, a 77 anni e ora  con il primato di  6 trofei conquistati, assestare il tiro della vittoria in piazza Torre di Berta, diventando il re assoluto della storica manifestazione, è stata una soddisfazione profonda. 

Con visibile emozione,  Bicchielli ha assicurato  a Gubbio con un tiro che ha colpito il  bersaglio senza esitazioni,  il drappo dipinto dall’ artista Joy Stafford Boncompagni, realizzato  in omaggio ai cento anni dalla fine della prima Guerra mondiale. 

Soddisfazione ancora più grande  per Gubbio poiché il terzo posto del podio è stato conquistato dal giovane trentasettenne Cristiano Orlandi, figlio dell’ ex presidente Ubaldo Orlandi, a testimonianza dell’impegno di famiglia nella tradizione dei Baletrieri eugubini, un passaggio di generazioni che si avvicendano nella straordinaria storia secolare della città.  

Un ringraziamento sentito va ai vincitori, alla società Balestrieri in tutte le componenti, al presidente Cerbella in particolare, esempio instancabile di impegno e passione“.

Sono stati 103 i balestrieri che si sono alternati nei sei banchi di tiro, posti a una distanza di 36 metri esatti dal corniolo: 59 per la società biturgense, 44 per quella eugubina.

Si ringraziano per le fotografie Marcello Cerbella e Andrea Rueca 

lunedì 10 settembre 2018 - 17:14|Articoli, Cultura e Spettacolo|