Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /var/www/vhosts/cronacaeugubina.it/httpdocs/wp-content/themes/Avada/includes/lib/inc/class-fusion-images.php on line 204

Il Consigliere Martinelli ha proposto la concessione automatica della cittadinanza onoraria ai Vescovi di Gubbio alla fine del loro mandato. Proposta condivisa dai Consiglieri Cacciamani e Rughi

Foto Mario Ceccobelli

Mario Ceccobelli

GUBBIO – Il Consiglio comunale di Gubbio ha approvato la proposta avanzata dal sindaco Filippo Stirati di conferire la cittadinanza onoraria a Monsignor Mario Ceccobelli, Vescovo di Gubbio. Mario Ceccobelli, quindi, da stasera è cittadino onorario di Gubbio.

Per primo ha parlato il sindaco Filippo Stirati: “Abbiamo portato avanti con alcuni consiglieri comunali la proposta della cittadinanza onoraria al Vescovo Ceccobelli. Ho ritenuto opportuno che, alla fine di un mandato vescovile durato 13 anni, e anche per la capacità di Ceccobelli di legarsi alla città e di interpretarne la cultura e le trazioni, fosse doveroso e appropriato votare da parte del Consiglio il riconoscimento della cittadinanza onoraria.

Foto Filippo Stirati

Filippo Stirati

Ho proposto la cosa in maniera laica, un uomo come De Gasperi, che era un fervente credente, eppure nella concezione dello Stato, seppe manifestare delle posizioni e degli atteggiamenti assolutamente laici. Lo dico perché una proposta come questa può essere suscettibile di interpretazioni non corrette che possono modificarne il senso. 

Il lavoro della Commissione sintetizza la storicizzazione del riconoscimento dal punto di vista delle motivazioni. Il riconoscimento della cittadinanza onoraria per il contributo di Ceccobelli alla convivenza sociale della comunità eugubina, per aver promosso la naturale distinzione tra le istituzioni e il bene comune, per la bontà del suo ufficio pastorale”. 

Il Presidente di Commissione Francesco Gagliardi non ha partecipato ai lavori del Consiglio comunale. In sua vece, come vice presidente della terza Commissione, che ha affrontato la discussione sulla cittadinanza onoraria a Mario Ceccobelli, ha relazionato la Consigliera Annabella Cambiotti.

Foto Scelgo Gubbio

Il gruppo consiliare di “Scelgo Gubbio”

E’ quindi intervenuto il Consigliere Mattia Martinelli: “Ringrazio il Sindaco per la proposta che ci rende felici. Mario Ceccobelli è arrivato in punta di piedi nella comunità eugubina, ha compreso le radici eugubine, e in maniera estremamente umile fino all’ultimo ha ricoperto il suo ruolo. Figura lontana dalla gestione secolare della Diocesi. Di tutto questo lo ringraziamo. 

Il Vescovo è il successore di Sant’Ubaldo, si potrebbe lavorare affinché il Vescovo possa diventare automaticamente cittadino onorario di Gubbio. Parlo con il cuore, credo che la cosa possa farsi automaticamente“.

Il Consigliere Marco Cardile: “Il Partito Democratico da un giudizio favorevole del lavoro svolto in Commissione, pertanto diamo parere favorevole alla proposta della cittadinanza onoraria a Ceccobelli“.

Foto Francesco Zaccagni

Il Consigliere Francesco Zaccagni

Il Consigliere Francesco Zaccagni: “Ho trascorso giorni di sofferta meditazione su questa decisione. Escludo che il Sindaco abbia voluto concedere la cittadinanza onoraria per motivazioni che non hanno a che vedere con la stima e il ringraziamento di Stirati verso il Vescovo.

Certi provvedimenti andrebbero, però, preventivamente condivisi. Io credo che Ceccobelli abbia più meriti di quelli che sono stati inseriti all’interno della proposta, ma qui non ci sono.

Dico questo perché le motivazioni, essendo stato emendato il suo impegno per il ritorno della Lumsa, rimangono deboli. In pratica si vuole dare questa importante onorificenza al Vescovo per aver svolto il proprio impegno pastorale con amore verso il prossimo e in aiuto dei più deboli. Insomma, esattamente ciò a cui è chiamato ogni Vescovo. È chiaro che di Giacomo Devoto non ce ne sono più in circolazione a cui attribuire la cittadinanza onoraria eugubina“.

Il Consigliere Rodolfo Rughi: “Voterò in maniera positiva al conferimento della cittadinanza onoraria a Ceccobelli. Mi associo all’automatismo della cittadinanza onoraria ai Vescovi di Gubbio proposta da Mattia Martinelli. Ceccobelli è stato protagonista di opere concrete di carità sul territorio locale“.

Foto M5S Gubbio

Il gruppo consigliare del M5S Gubbio

La Consigliera Sara Mariucci: “In Commissione mi sono astenuta per il metodo, perché si poteva fare un percorso condiviso sulla proposta di cittadinanza onoraria“.

Il Consigliere Aldo Cacciamani: “Il Sindaco ha il diritto di fare la proposta perché è il rappresentante della città di Gubbio. Abbiamo concesso la cittadinanza onoraria a Terence Hill e non abbiamo fatto tutte queste discussioni. Si tratta del Vescovo della nostra città, il resto è retorica.

Tutti i rappresentanti della Diocesi venuti dopo Sant’Ubaldo sono stati degni dell’incarico ricoperto. Condivido pienamente la scelta di Stirati, che ha ascoltato la propria coscienza nel formulare questa proposta. Sono d’accordo anche con Martinelli sulla concessione automatica della cittadinanza onoraria“.

Il Consiglio comunale di oggi

Il Consigliere Mauro Salciarini: “Non vedo perché se qualcuno ha qualche dubbio non lo possa esprimere. Voterò contro. Non ho gli strumenti per valutare l’operato del Vescovo. La città ha altri problemi, questo è un non problema“.

La Consigliere Virna Venerucci: “Ci siamo visti come partito e abbiamo parlato di questo atto. Credo che nessuno di noi possa dire se un Vescovo ha fatto bene o ha fatto male. Garantire la laicità delle istituzioni come punto fondamentale, corretto nell’emendamento, e su questo daremo il nostro voto favorevole. Una figura che ha svolto un ruolo favorevole a favore della comunità.

Sono stati quelli di Ceccobelli anni difficili per la crisi dei valori cristiani e per le difficoltà sociali sul territorio. Ringraziamo il Vescovo Ceccobelli per quello che ha fatto per questa comunità“.

Il Consiglio comunale

Il Consigliere Stefano Ceccarelli: “Un giorno di festa per la città perché il Vescovo entra a far parte dei nostri cittadini onorari. Ha svolto un ruolo di dialogo tra le istituzioni a livello locale e nazionale. Si è calato nella nostra cultura e ne ha condiviso le tradizioni, da sempre è stato cittadino eugubino“.

Il Consigliere Valerio Piergentili: “Un uomo che ha sempre cercato di trovare dialogo e conciliazione in città. Oggi non mi sembra questo il luogo delle polemiche. E’ una persona che si è sempre messa a disposizione degli umili, oggi riconosciamo il ruolo svolto nella nostra città”.

Il Consigliere Pavilio Lupini: “Non avrei votato questo proposta e avevo deciso di rimanere in silenzio. La cittadinanza onoraria si concede quando c’è un comune sentire. Invece mi sembra che oggi, si interviene per motivare questa proposta ma non si è molto convinti“.

La seduta del Consiglio comunale che ha deciso la cittadinanza onoraria a Ceccobelli

Ha poi parlato il Consigliere Mirko Pompei. 

Il Consigliere Gianni Menichetti: “Aggiungerei che stiamo vivendo un momento in cui chi viene da altri mondi viene emarginato, tali atteggiamenti possono essere ostacolati soltanto se ci sono componenti della nostra società che agiscono in senso contrario. Una volta nei partiti si faceva anche volontariato sociale, come il soccorso ai tempi del terremoto in Irpinia.

Il mondo che fa capo al Vescovo Ceccobelli, è il mondo che è stato più accogliente negli ultimi tempi. Questo è un elemento che, secondo me, da sinistra, basta per giustificare la concessione della cittadinanza onoraria“.

La votazione finale

Hanno preso parte alla votazione finale 21 componenti il Consiglio comunale, 20 consiglieri e il Sindaco Stirati. Favorevoli: 17 consiglieri, contrari 3 consiglieri, astenuti 1 consigliere. Approvata anche l’immediata esecutività del provvedimento con 18 voti favorevoli e 3 contrari.

Il Presidente Giuseppe Biancarelli ha affermato: “Monsignor Mario Ceccobelli è cittadino onorario di Gubbio“.

Di Francesco CaparrucciFoto di Cronaca Eugubina