Al Centro Teatrale Umbro di Goregge, l’open class del maestro russo Vladimir Olshansky. Circa 20 allievi provenienti da tutto il mondo

Grazie alla sua attività, il Centro riesce ad avere una bella ricaduta turistica, poiché gli artisti coinvolti, e le loro famiglie, hanno la possibilità di soggiornare nella città di pietra e di apprezzarne la bellezzaIl prossimo appuntamento sarà il 24 settembre con l’open class del regista Pierpaolo Sepe

Foto Centro Teatrale Umbro

Il Centro Teatrale Umbro di Goregge

GUBBIO (F.C.) – Si è ripetuta anche quest’anno al Centro Teatrale Umbro di Goregge, l’open class del maestro russo Vladimir Olshansky.

L’artista del Cirque du Soleil è stato impegnato per ventuno giorni negli spazi del Centro con il laboratorio residenziale di formazione attoriale “Il clown attore”, cui hanno preso parte circa 20 allievi provenienti da tutto il mondo.

Alla presenza di un folto pubblico plaudente, di un divertito assessore alla cultura Augusto Ancillotti e di un’entusiasta vicesindaco Rita Cecchetti, i ragazzi hanno restituito le acquisizioni del percorso formativo affrontato.

Foto Centro Teatrale Umbro

Gli attori al Centro Teatrale Umbro di Goregge

Fondato nel 2000 da Massimiliano Donato e Naira Gonzalez, il Centro Teatrale Umbro è finalizzato allo sviluppo di un “teatro d’innovazione” che si pone come arte autonoma, non sussidiaria, della letteratura drammatica, in cui la scrittura scenica trova nell’attore il suo creatore principale, in osmosi con il regista.

Vivere il fare teatro come momento di definizione della propria identità ha portato, i suoi fondatori, a decidere di realizzare questo progetto in una situazione rurale: la pieve di S. Giovanni Battista di Goregge (anno 1330).

Un luogo raccolto e protetto, immerso nel silenzio della natura che attraverso la sua ristrutturazione è stato ripensato e valorizzato in una destinazione sociale d’uso, un bene vincolato dalla Soprintendenza per il suo valore storico-artistico.

Foto Vladimir Olshansky

Vladimir Olshansky

Dal 2004 le attività culturali e artistiche del Centro Teatrale Umbro sono riconosciute dalla Regione Umbria e dal Comune di Gubbio, nello stesso anno ha avuto inizio il Festival Internazionale sulla formazione AttorialeDi umanità, si tratta”, giunto alla decima edizione, che quest’anno vede alternarsi, da giugno a ottobre, artisti internazionali del calibro di Cesare Ronconi, Alessandro Serra, Familie Flöz, Vladimir Olshansky, Elena Bucci, Pierpaolo Sepe, Lucia Calamaro.

Per ogni laboratorio si contano circa venti partecipanti, con una media, nei quattro mesi estivi, di duecento ragazzi che scelgono la frazione eugubina per iniziare o affinare la professione di attore.

Foto Centro Teatrale Umbro

Centro Teatrale Umbro

Dal 2015 il Centro ha ottenuto il riconoscimento del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, come Residenza Artistica, il che gli ha consentito di avviare il progetto URA-Umbria Residenze Arte.

Ura chiude un cerchio artistico, poiché ospita, con selezione da bando, alcune residenze di Compagnie Teatrali che negli spazi del Centro allestiscono i loro spettacoli, di scena, poi, all’interno della Rassegna novembrina “Fuori Traccia” e non solo.

Grazie alla sua attività, inoltre, il Centro riesce ad avere una bella ricaduta turistica, poiché gli artisti coinvolti, e le loro famiglie, hanno la possibilità di soggiornare nella città di pietra e di apprezzarne la bellezzaIl prossimo appuntamento sarà il 24 settembre con l’open class del regista Pierpaolo Sepe.

giovedì 14 settembre 2017 - 13:13|Articoli, Cultura e Spettacolo|