La Casa Famiglia è una realtà radicata sul territorio ed è gestita dal 1949 dalle Suore Dominicane di San Sisto, guidate da Madre Dorotea Mangiapane. La struttura assolve a tre specifiche funzioni: l’assistenza ai minori in difficoltà con problematiche familiari e comportamentali, l’assistenza alle ragazze madri e l’attività educativa dei bimbi da 0 a 6 anni

Foto Casa Famiglia Santa Lucia

Smacchi e Barberini assieme a Madre Dorotea

GUBBIO – Una visita istituzionale per rinsaldare con la struttura un profondo spirito di collaborazione. Per questo l’assessore regionale alla Sanità Luca Barberini e il consigliere regionale Andrea Smacchi hanno visitato la “Casa Famiglia Santa Lucia“, accompagnati dal sindaco Filippo Mario Stirati, dalla vicesindaco Rita Cecchetti, dal presidente del Tribunale dei minori di Perugia Sergio Cutrona, dal capitano dei Carabinieri della Compagnia di Gubbio, Pier Giuseppe Zago e dal Luogotenente della Guardia di Finanza, comandante della Tenenza di Gubbio Franco Nocita.

La Casa Famiglia è una realtà radicata sul territorio ed è gestita dal 1949 dalle Suore Dominicane di San Sisto, guidate da Madre Dorotea Mangiapane.

Foto Casa Famiglia Santa Lucia

La visita alla Casa Famiglia Santa Lucia

La struttura assolve a tre specifiche funzioni: l’assistenza ai minori in difficoltà con problematiche familiari e comportamentali, l’assistenza alle ragazze madri e l‘attività educativa dei bimbi da 0 a 6 anni. Attualmente impegna 17 persone, tra educatrici e personale religioso. Gli ospiti in casa sono 19, 16 i bambini del Nido e 12 alla Materna.

La visita ha permesso all’assessore Barberini di conoscere una realtà importante e radicata, avviando con essa una interlocuzione che possa portarne il potenziamento, alla luce dei tanti pareri favorevoli raccolti sull’operato della struttura, come quello del presidente del Tribunale che l’ha definita come “luogo molto adeguato per i bimbi“. Al centro della discussione la possibilità di un potenziamento dell’accoglienza di mamme con bambini.